# Devices

In questa schermata vengono gestiti i devices connessi alla piattaforma che si interfacciano sull’impianto.

# Side panel

Sulla sinistra vengono elencati i device configurati, con il loro nome e uno switch per comandarne lo stato di accensione.

L’icona e l’etichetta assumono colore

  • blu, per identificare il device attualmente in visualizzazione nella view;
  • altrimenti
    • grigio, per identificare un device spento (e non correntemente selezionato);
    • verde, per identificare un device acceso (e non correntemente selezionato);
    • rosso, per identificare un device acceso, ma che non sta rispondendo (timeout o interruzione connessione di rete); verificare in tal proposito lo stato di accensione del device, e che la connessione nella rete sia attiva con indirizzo IP corretto.

È sempre presente un pulsante per riordinare l’elenco dei device, etichettato “Edit Order”: cliccandolo si apre un popup nel quale è possibile trascinare gli elementi nell’ordine desiderato per poi salvare, o eventualmente annullare, le modifiche.

# Aggiungere un device

L’aggiunta di un nuovo device si effettua cliccando sul pulsante etichettato “ADD DEVICE”, che apre un popup con i seguenti elementi

  • Name, l’etichetta descrittiva da assegnare al device, che deve rispettare i criteri di nomenclatura Plexus;
  • Device IP address, l’indirizzo IPv4 configurato per il device sulla rete;
  • Device type, il tipo di device connesso.

# Tipologie di device

Ad oggi PlexusLAB offre la possibilità di aggiungere uno o più device tra le tipologie seguenti

Nome Informazioni
PlexusPOD 0-10V 🤒 POD che consente operatività con elementi a 0-10V
PlexusPOD 4-20mA 🤒 POD che consente operatività con elementi a 4-20mA
PlexusPOD C1 🤩 futura versione del POD in produzione da Q3 2021, con possibilità di switchare singolarmente i canali analogici operando a 0-10V o 4-20mA
Plexus_1 🤒 vecchia versione del POD datata 2016, in via di dismissione
Plexus_Bridge virtuale, per connettere un altro Web Server PlexusLAB ed interfacciarsi con le Sections di quest’ultimo, che funge da ponte; nel campo “Bridge Password” è necessario inserire la password per autenticare il collegamento verso il PlexusLAB di destinazione. Fare riferimento all'apposito capitolo per maggiori informazioni
Mod Bus alcuni sistemi di automazione industriali già presenti in commercio utilizzano Modbus come protocollo di comunicazione, per citarne uno, PLC. L’aggiunta di un device di questo tipo comporta l’inserimento di ulteriori valori che indicano i range di registri con i quali interfacciarsi in lettura/scrittura verso il sistema che utilizza Modbus, nei quattro campi “ModBus Read Register”, “ModBus Read Interval Range”, “ModBus Write Register”, “ModBus Write Interval Range”

# Comandare lo stato di un device

Ogni device ha un interruttore a fianco del nome, che ne comanda lo stato.

Quando un device è spento (interruttore grigio) il suo stato è Not active nella view e tutti i valori verranno mostrati a 0.

Quando un device è acceso (interruttore verde) si possono verificare le seguenti condizioni nella view:

  • stato verde con indicazione dei millisecondi misurati come tempo di risposta. In questo caso il device è attivo e funzionante, la view mostra le informazioni sui canali in tempo reale;
  • stato di Timeout!, che indica che il device non sta rispondendo, quindi tutti i valori saranno a 0 nella view. Indagare su una delle possibili cause del problema, che solitamente sono:
    • indirizzo IP mal configurato
    • connessione interrotta
    • nella peggiore delle ipotesi, guasto del device.

# Ri-ordinare i device

Si effettua cliccando sul pulsante "Edit Order" in fondo all'elenco device; notare che il pulsante viene mostrato solo quando ci sono almeno 2 devices configurati.

Al click viene mostrata una finestra modale che permette di trascinare le righe e, all'occorrenza, salvarne il nuovo ordinamento per poter vedere l'elenco con la struttura desiderata.

# View

La View è la porzione di schermata dedicata al dettaglio del device correntemente selezionato (icona ed etichetta di colore blu nell’elenco).

Nella fascia alta viene mostrato il nome del device, un badge che ne indica il tipo, l'indirizzo IP per esso configurato e cliccabile (per accedere alla schermata di configurazione interna al device stesso) e infine un pulsante info che permette di modificarne la configurazione precedentemente impostata in fase di aggiunta.

# Modificare un device

Nome e indirizzo IP di un device possono essere modificati cliccando sul bottone Info nell'angolo in alto a destra.

# Rimuovere un device

Un device può essere rimosso dal sistema cliccando sul bottone Info nell'angolo in alto a destra, e poi premendo su "Delete".

# API

PlexusLAB permette di leggere e/o scrivere valori nelle variabili per mezzo di API REST. Assicurati di aver abilitato API modenella pagina di sistema, come prima cosa.

Scrittura (POST request)

IPADDRESS/plexus/api/api.php?json={"psw":"aaa"} 
IPADDRESS/plexus/api/api.php?json={"psw":"aaa","write":["FOO"]}

Lettura (GET request)

IPADDRESS/plexus/api/api.php?json={"psw":"aaa"} 
IPADDRESS/plexus/api/api.php?json={"psw":"aaa","read":["FOO"]}

# Plexus Bridge

Plexus Bridge allows you to interconnect two or more PlexusLAB(s) together; this may be useful when there is more than one single network in the enviroment and you want to control all your PlexusLAB(s) from a Master machine without moving between them.

PlexusLAB must be installed on each machine you need to link, of course. For example, you can have:

  • an Ubuntu OS machine (A) on a private subnet, connected directly to a PlexusPOD
  • a second Ubuntu OS machine (B) exposed to the public network, with no PlexusPOD connected directly to it
bridge
Bridge

You're able to retrieve the variable/data from (A) if you register and connect (B) to it.

To start, make sure both PlexusLAB(s) have the API/Bridge Mode turned on in the System page.

q2w6MV1DwBAwBAwBQ6A+ETCyqk90rW9DwBAwBAyBnCDwf2m5qTVHuHusAAAAAElFTkSuQmCC
API/Bridge Mode ON
api_password
Copy this API Password From The PlexusLAB that you want to connect to

# Bridge configuration steps

The following steps refer to (A) and (B) from the previous example:

  1. Add a Bridge Device in PlexusLAB (B)
  2. Copy the password from the PlexusLAB (A), the one you want to connect to
  3. Paste the password into PlexusLAB (B) that will be your Master machine
  4. Add a bridge variable in PlexusLAB (B) that you want to read / write from the PlexusLAB (A)
adding_bridge
API Password

For a video explanation you can also refer to this video (opens new window)

# Modbus

BETA

Note: This feature is currently in Beta: stability issues might occur.

PlexusLAB allows a user to spin up a Modbus Server (Slave). The Slave responds to Bit access of reading and writing. PlexusLAB can even be a master to control the ModBus Slave as well.

mod_bus
Modbus configuration steps

# Modbus configuration steps

  1. Assign an IP address for Modbus to connect to, in the Settings Page
  2. Turn on Modbus Server Mode in the Settings Page
  3. Create a Modbus device in the Device Page

# Profinet

PlexusLAB allows a user to perform data exchange with a PLC Controller on a Profinet network (tested with Siemens PLC Controller) acting as a PLC I/O Device.

Contact us for more informations, we might provide you with the GSDML descriptor to be installed in the Profinet system, in order for the Controller to estabilish a connection with the PlexusLAB machine.

By installing a Profinet device, PlexusLAB will provide the Profinet network with the following set of I/Os:

  • 16 digital outputs (bool)
  • 16 analog outputs (uint16, ranging from 0 to 65535)
  • 16 digital inputs (bool)
  • 16 analog inputs (uint16, ranging from 0 to 65535)

# Profinet configuration steps

  1. Set the desired network interface name of your machine (i.e.: enp0s31f6) exposed to the Profinet network in the Settings Page
  2. Turn on Profinet I/O Mode in the Settings Page
  3. Create a Profinet device in the Device Page
Last Updated: 1/20/2022, 4:43:54 PM